COVID-19 AUSTRIA

MISURE PREVISTE DALLE AUTORITÁ AUSTRIACHE PER L'INGRESSO NEL PAESE

In base alle disposizioni sull’ingresso in Austria, in vigore dal 1° luglio al 31 agosto 2021, l’ingresso da Stati a basso rischio epidemiologico (tra cui l’Italia) è consentito con la “certificazione 3G” (attestato di avvenuta vaccinazione oppure attestato di guarigione da un’infezione Covid-19 contratta negli ultimi 6 mesi oppure test PCR/antigenico negativo) e senza obbligo di quarantena.


 La pre-registrazione elettronica del viaggio mediante Pre-Travel-Clearence  (Qui il link per il formulario: "Pre-Travel-Clearance"non è richiesta se il viaggiatore: - puó dimostrare in modo credibile di aver soggiornato, nei 10 giorni precedenti l'ingresso in Austria, esclusivamente in uno dei Paesi non a rischio  oppure in Austria, - sia provvisto di certificazione 3G.

I viaggiatori sprovvisti di certificazione 3G sono tenuti a sottoporsi ad un test Covid-19 entro 24 ore dall'ingresso nonché alla pre-registrazione del viaggio.

Come certificazione 3G („testato“, „guarito“, „vaccinato“) è considerato valido:

  • un attestato di avvenuta vaccinazione in lingua tedesca  o inglese; 
    o
  • un attestato di guarigione da un’infezione Covid-19 contratta negli ultimi sei mesi in lingua tedesca  o inglese o un attestato sulla presenza di anticorpi neutralizzanti emesso negli ultimi tre mesi;
    o
  • un test negativo PCR/antigenico (PCR <72 ore; antigenico <48 ore), per il quale va presentato un certificato medico in lingua tedesca o inglese

Il viaggiatore sprovvisto di certificazione 3G valida è tenuto a sottoporsi immediatamente – e, in ogni caso, entro 24 ore dal momento dell’ingresso – a un test PCR/antigenico. Nel frattempo, tuttavia, non è necessaria la quarantena.

Informazioni dettagliate sulle singole misure anti-covid sono reperibili sulla pagina della nostra Ambasciata a Vienna, ecco il link: 
https://ambvienna.esteri.it/ambasciata_vienna/it/ambasciata/news/dall-ambasciata/focus-coronavirus.html




------------------------------------------------------------------
In questo contesto dobbiamo ricordare alle aziende estere che devono effettuare lavori in trasferta che vi sono altri obblighi che prescindono dall'attuale crisi e che la relativa documentazione potrebbe essere richiesta durante un eventuale controllo alle frontiere austriache. Ecco il link ove abbiamo riportato le informazioni essenziali, indicando anche i formulari da compilare e da trasmettere alle Autorità Austriache:

https://icewien.at/index.php/faq-in-lingua-italiana/24-faq-in-lingua-italiana/58-faq-lavoro-in-trasferta.