Food Labelling 2021

Food Labelling

Etichettatura degli alimenti: una risorsa per i consumatori.

Il Convegno organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Lubiana, in collaborazione con ICE e Istituto Italiano di Cultura ha affrontato il tema dell’etichettatura fronte-pacco dei prodotti destinati al consumo alimentare.

La pandemia da Covid-19 ha ulteriormente evidenziato la necessità di un’alimentazione sana ed equilibrata, che aiuti l’organismo a sviluppare le sue difese immunitarie.

In questo contesto l'etichettatura dei prodotti alimentari fornisce un supporto fondamentale al consumatore finale, per favorire scelte pienamente consapevoli in fase di acquisto. Le etichette fronte-pacco, infatti, riportano una serie di informazioni importanti per tutelare la salute del consumatore e diventano di fatto una sorta di “carta d’identità” che accompagna l’alimento. E’ in costante crescita l’interesse da parte dei consumatori verso le informazioni riportate sulle etichette, soprattutto in materia nutrizionale, informazioni che giocano ormai un ruolo cruciale nell’orientare gli acquisti.

A livello comunitario il riferimento generale è il Regolamento 1169/2011 nato per armonizzare le diverse normative nazionali e dare un riferimento univoco agli Stati membri dell'Unione Europea. Alle informazioni obbligatorie si possono però aggiungere ulteriori dati su base volontaria - informandone le Autorità competenti - per permettere ai consumatori di compiere scelte consapevoli e prevenire pratiche alimentari dannose alla salute.

A tale riguardo l’Ambasciata d’Italia a Lubiana, d'intesa con Federalimentare e in collaborazione con l’Ufficio ICE e l’Istituto di Cultura, ha organizzato un webinar con l’obiettivo di fare chiarezza sulle due proposte che sono al momento in discussione a Bruxelles in sede comunitaria: il sistema a semaforo “Nutri-Score” e la proposta del “NutrInform Battery”.

I due sistemi presentano sostanziali differenze: il Nutri-Score, con i tre colori del semaforo, assegna punti negativi a grassi saturi, calorie, zucchero e sale. Allo stesso tempo assegna punti positivi a frutta, verdura, proteine e fibre. Tuttavia, non tiene conto dei benefici di un moderato consumo di grassi e proteine nell’ambito di un’alimentazione bilanciata, che invece sono alla base della Dieta Mediterranea. E’ come gli altri modelli cromatici di immediata percezione ma non fornisce un’informazione scientifica completa al consumatore con il rischio di orientarne le scelte in maniera non consapevole.

Il NutrInform Battery è invece costituito da una rappresentazione grafica a “batteria” dove il consumatore può recepire la necessaria informazione su la percentuale di energia, grassi, grassi saturi, zuccheri e sale contenuta in ogni singola porzione, rispetto alla quantità giornaliere di assunzione per un adulto medio. NutrInform, presenta dunque il grande vantaggio di inquadrare il consumo di una porzione di prodotto in un contesto più logico e coerente di assunzione giornaliera ottimale.

Il Convegno organizzato a Lubiana - in formato virtuale - e introdotto dall’Ambasciatore Carlo Campanile è stato diretto ai medici ricercatori sloveni che seguono la materia all’interno dell’Istituto della Nutrizione ed agli studenti e docenti di nutrizionistica del Centro Biotecnologico di Lubiana. Qualificati gli interventi di Luciano Pezzotti, Consigliere Diplomatico del Ministro italiano dell’Agricoltura; di Marco Silano, Professore presso l’Istituto italiano della Sanità; di Marco Francesco Mazzù e Simona Romano, Professori presso l’Università LUISS di Roma. Di particolare rilievo il dibattito tra la Dott.ssa Tamara Srdarev, Consulente presso l’Associazione delle Industrie Agricole e Alimentari, costituita nell’ambito della Camera del Commercio e dell’Industria Slovena, ed il Min. Raffaele De Lutio, Consulente presso Federalimentari i quali, in virtù dei ruoli simili da essi ricoperti, hanno potuto avere un utile scambio di opinioni ed esperienze.

Servizio TG su RTV Capodistria

Intervista radio al prof. Marco Silano