News dalla rete ITA

22 Febbraio 2018

Ecuador

L'UE APPROVA ALL'ECUADOR FINANZIAMENTI PARI A 10 MILIONI DI EURO PER PROGETTI SOSTENIBILI

La Banca per lo Sviluppo dell'Ecuador (BDE), l'Agenzia Francese per lo Sviluppo (AFD) e l'Unione Europea (UE) hanno firmato in questi giorni un accordo per finanziare programmi di sviluppo sostenibile nel Paese andino, destinati al miglioramento delle reti idriche fognarie, dei servizi igienico-sanitari e della gestione integrata di rifiuti solidi. L'accordo prevede sostanzialmente l’erogazione, da parte dell'Agenzia Francese per lo Sviluppo (AFD), di 10 milioni di Euro senza obbligo di restituzione, volti a supportare interventi di assistenza tecnica agli Enti pubblici definiti Governi Autonomi Decentralizzati (GAD) e alle imprese statali, per  rafforzarne le loro capacità amministrative, finanziarie, commerciali e gestionali, nel conseguimento degli obiettivi sopra indicati. Nello specifico, tra i programmi che saranno sviluppati nel presente accordo, si evidenziano il progetti per la costruzione di reti fognarie nelle località di Latacunga e Ambato, quelli per facilitare l’accesso all’acqua potabile, tra cui il “Pesillo-Imbabura”, che beneficerà circa 162 comunità contadine e indigene, localizzate in 3 cantoni delle provincie di Imbabura e Pichincha, e quelli che verranno realizzati nelle località di Lago Agrio, Guaranda e Guano. Nel merito, Humberto Cholango, Segretario dell’ente pubblico “Secretaría Nacional del Agua (Senagua)”, responsabile della gestione delle risorse idriche del Paese, ha affermato che questi programmi vanno a rafforzare le iniziative previste dal Governo -compresi nella campagna  denominata ‘Agua Segura y Saneamiento para todos’-, che coinvolgeranno 55 municipi e richiederanno investimenti pari a circa 275 milioni di USD   L’agenzia AFD è presente in Ecuador da oltre due anni, intervenendo in settori strategici per il Paese quali sono i trasporti, energia, acqua e servizi igienico-sanitari e contribuendo atresì alla ricostruzione delle zone colpite dal terremoto dell’aprile 2016. (ICE CARACAS)