News dalla rete ITA

7 Marzo 2018

Angola

ANGOLA TELECOM CERCA VIA D'USCITA DALLA CRISI

Nel 2017, Angola Telecom ha raccolto circa 14 miliardi di kwanzas (53 milioni di euro), entrate che l'amministrazione prevede di raddoppiare quest'anno, nel contesto dell'ultima fase di ristrutturazione e privatizzazione di parte del capitale.L'informazione è stata trasmessa dal coordinatore della commissione di gestione della società pubblica di telecomunicazioni angolana, Eduardo Sebastião, nell'ambito del 26° anniversario dell'operatore pubblico, con la riduzione di costi e l'aumento della fatturazione e raccolta "tra i principali obiettivi".Associato alla riduzione di costi e aumento della fatturazione e raccolta di quest'anno, Eduardo Sebastião ha anche sottolineato il miglioramento del servizio come altro obiettivo della sua gestione.Pur avendo già una licenza globale per l'esercizio di servizi di telefonia mobile, il coordinatore della commissione di gestione dell'operatore statale ha sottolineato che la questione della telefonia mobile non è una priorità dell'attuale amministrazione.All'inizio di questo mese è stato riferito che Angola Telecom vuole salvare circa 150.000 clienti, che negli ultimi sette anni hanno smesso di utilizzare la rete fissa, mentre la società conta attualmente solo 50.000 clienti attivi.Il coordinatore della commissione di gestione dell'operatore statale presume che la riduzione di clienti abbia influito sulle prestazioni e sulla redditività dell'azienda, sottolineando gli "atti di vandalismo" che la rete della società ha subito, come uno dei motivi principali della "fuga di clienti" .Alla domanda sul processo di alienazione del 45% del patrimonio aziendale, Eduardo Sebastião ha dichiarato che il lavoro è in corso."Questo è un orientamento dell'azionista Stato, che la società debba essere venduta al 45%, quindi il lavoro è fatto, è necessario fare una valutazione delle attività della società in modo tale da determinare in seguito quanto vale il 45% che è destinato all'alienazione", ha concluso.Va ricordato che nel novembre 2017, il Governo ha ufficializzato che era in corso il processo di privatizzazione del 45% del capitale sociale di Angola Telecom, che, nel frattempo, aveva già ricevuto dallo Stato il titolo che la abilita come terzo operatore nazionale della rete mobile.Le informazioni sono contenute in un annuncio pubblicato dal Ministero delle Telecomunicazioni e Tecnologie dell'Informazione, che aggiunge che questa alienazione fa già parte del recente piano provvisorio approvato dal Presidente João Lourenço, per migliorare la situazione economica e sociale del Paese.In particolare sfruttando "partenariati pubblico-privati in investimenti infrastrutturali e fornitura di beni e servizi pubblici e semi-pubblici essenziali", ma anche nella promozione del "mercato azionario attraverso la privatizzazione delle società di riferimento", due misure previste nel piano provvisorio, da attuare entro marzo 2018.Angola Telecom è una società pubblica di telecomunicazioni e multimedia, fondata nel 1992 dopo la fusione delle compagnie statali ENATEL ed EPTEL, che fornisce servizi commerciali di voce e dati, ma con risultati finanziari negativi.Nello stesso annuncio, il Ministero guidato da José Carvalho da Rocha conferma che Angola Telecom ha già ricevuto il titolo globale unificato, che trasforma quella società nel "terzo operatore di telefonia mobile, oltre a consentire di fornire qualsiasi servizio di comunicazione elettronica, basato su qualsiasi tipo di tecnologia", ai sensi del PERL (Piano strategico sul regime di licenze per gli operatori di comunicazione elettronica), approvato a giugno 2016."In considerazione di questo scenario, è imperativo rafforzare la sostenibilità economica e finanziaria di Angola Telecom EP, mobilitando le risorse del settore privato per implementare le infrastrutture e ottenere esperienze e know-how complementari per l'esplorazione efficiente del potenziale del nuovo titolo", afferma la dichiarazione.In termini pratici, questo processo, che viene condotto attraverso la Direzione nazionale delle telecomunicazioni, prevede che la vendita del 45% del capitale sociale di Angola Telecom genererà investimenti. (ICE LUANDA)