News dalla rete ITA

27 Novembre 2018

Romania

LA CRESCITA ECONOMICA DELLA ROMANIA NEL TERZO TRIMESTRE E' STATA LA PIU' IMPOTRANTE DELL'UE RISPETTO AL SECONDO TRIMESTRE.

La crescita economica della Romania nel terzo trimestre dell'anno è stata la più importante dell'UE, l’1,9% rispetto al trimestre precedente, secondo i dati Eurostat. La Romania è seguita dalla Lettonia con l'1,8% e dalla Polonia con l’1,7%.         Rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, la crescita economica della Polonia è pari al 5,7%, seguita dalla Lituania con il 5,5%, dall'Ungheria con il 5%, dalla Slovacchia con il 4,5% e dalla Romania dal 4,1%.Il PIL dell'area euro è cresciuto dello 0,2% e dello 0,3% nell'Europa28 rispetto al trimestre precedente e, rispetto al terzo trimestre del 2017, la crescita dell'area euro è dell'1,7% e dell'1,9% nell'UE28.       Per fare un confronto, il PIL statunitense è aumentato dello 0,9% rispetto al secondo  trimestre e del 3% rispetto al terzo trimestre 2017.Il prodotto interno lordo è aumentato nel terzo trimestre al 4,3% su serie lorda e al 4,1% su base stagionale, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, mentre rispetto al secondo trimestre è stato dell'1,9%.Tra gennaio e settembre, il PIL è cresciuto del 4,2%, sia su serie lorda che su serie stagionale. I dati arrivano in un contesto in cui molti analisti aspettavano il rallentamento dell' economia. L'aumento del 4,3% nel terzo trimestre si verifica dopo un aumento del 4,1% nel secondo trimestre e del 4% nel primo trimestre, rispetto ai periodi analoghi dell'anno precedente.        Inoltre, il tasso trimestrale dell'1,9% è superiore a quello del secondo trimestre dello 1,5% e dello 0,3% del primo trimestre. È possibile che gli ottimi risultati ottenuti nell'agricoltura abbiano influenzato l'evoluzione del PIL più del previsto.        L'aumento della crescita è tanto più rilevante in quanto nel terzo trimestre 2017 l'economia è aumentata dell'8,8%, un punto di partenza importante.        In queste condizioni, è molto probabile che l’aumento del 4,5% sarà raggiunto nel 2018, così come stimato dalla Commissione nazionale Prognosi, secondo i nuovi dati riportati in autunno. (ICE BUCAREST)


Fonte notizia: IL GIORNALE FINANCIAR