News dalla rete ITA

18 Gennaio 2019

Romania

FONDI EUROPEI 2019: DA 500.000 - 3,5 MILIONI DI EURO PER LE AZIENDE DEL SETTORE IT

Le piccole e medie imprese (PMI) appartenenti al settore della tecnologia informatica (IT) possono ricevere finanziamenti a fondo perduto a partire da 500.000 a 3,5 milioni di euro, con una nuova linea di finanziamento europea attraverso la Politica di coesione dell’UE, per cui è stato annunciato il periodo di iscrizione.Questo è il Programma Operativo per la Competitività - POC 2014-2020, Asse 2.2.1 - Sostenere la crescita del valore aggiunto generato dal settore TIC e dall’innovazione nel settore attraverso uno sviluppo settoriale.Le aziende interessate saranno in grado di presentare progetti nel sistema elettronico MySMIS 2014, a partire dal 14.01.2019 ore 09:00 fino al 11.03.2019 ore 17:00. L’invito a presentare progetti è gestito dal Ministero dei Fondi Europei e dal Ministero delle Comunicazioni.I fondi europei sono accessibili dalle seguenti categorie di richiedenti:- Imprese (microimprese, piccole imprese, medie imprese) che operano in Romania, nel settore TIC;- Imprese (microimprese, piccole imprese, medie imprese) che operano in Romania, all’interno di cluster focalizzati sulle TIC;- Consorzi (partenariati) di microimprese, piccole imprese, medie imprese che operano in Romania, all’interno di cluster focalizzati sul settore TIC. Sono considerati progetti strategici quelli per cui vengono soddisfatte nello stesso momento le seguenti condizioni:1. sono attuati partenariati che comprendono PMI di diversi cluster TIC o dello stesso cluster;2. sono implementati in diverse regioni di sviluppo della Romania. L'importo massimo del finanziamento a fondo perduto concesso nell'ambito del progetto degli aiuti di Stato (in relazione alle spese totali ammissibili del Fondo europeo di sviluppo regionale e del bilancio statale) è di 3.500.000 euro.L'importo della sovvenzione minima concessa al progetto nell'ambito degli aiuti di Stato (in relazione alle spese totali ammissibili del Fondo europeo di sviluppo regionale e del bilancio dello Stato) è di 500.000 euro. L'importo massimo ammissibile di aiuti che può essere concesso ad un beneficiario deve soddisfare contemporaneamente le seguenti condizioni:1. non può superare il 20% dei costi totali ammissibili del progetto2. non può superare l'equivalente in lei di 200.000 euro (100.000 euro, nel caso di candidati nel settore dei trasporti) per gli ultimi 3 anni fiscali (riferiti all'anno corrente e 2 anni precedenti).Per quanto riguarda gli aiuti di Stato, le società beneficiarie devono contribuire all'investimento, tra il 20% e l'80%, a seconda dell'ubicazione del progetto, del settore degli investimenti e delle dimensioni dell'impresa.Le aziende di Bucarest e Ilfov dovranno partecipare con la percentuale più alta di contributo proprio.Per la componente degli aiuti minimi, che può arrivare a 200.000 euro per progetto, l'intensità dell'aiuto è del 100%, ossia il beneficiario non dovrà contribuire personalmente al finanziamento.La somma totale assegnata a questa linea di finanziamento è di 29.062.500 euro, dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e dal bilancio dello Stato.I finanziamenti a fondo perduto mireranno allo sviluppo di prodotti/servizi/applicazioni ICT innovativi:- Investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali con un investimento iniziale;- Investimenti nella ricerca industriale e nello sviluppo sperimentale; - Investimenti in progetti di innovazione delle PMI;- Investire in processi e progetti di innovazione organizzativa.Verrà finanziata la creazione di prodotti IT con valore aggiunto nel settore IT&C e la generazione di know-how trasferibili ad altri settori di attività.Inizialmente, il bando per i progetti avrebbe dovuto essere aperto il 17 dicembre 2018, ma è stato rinviato a gennaio 2019, con alcune modifiche apportate alla guida del richiedente.Tra le altre modifiche, i codici CAEN 70.10 - Attività della sede centrale e 70.22 - Le attività di consulenza aziendale e di gestione non saranno più escluse dai finanziamenti. (ICE BUCAREST)


Fonte notizia: Finantare.ro