News dalla rete ITA

12 Marzo 2019

Bosnia Erzegovina

IMPORTAZIONE DI METALLI PREZIOSI E GIOIELLI IN CRESCITA NEGLI ULTIMI 4 ANNI

Secondo i dati che la Direzione per le imposte indirette della Bosnia Erzegovina (UIO) ha fornito al portale CAPITAL, le importazioni negli ultimi quattro anni sono quasi raddoppiate.Nel 2014 il valore delle importazioni di oro, argento e gioielleria è stato di 3,2 milioni di €; lo stesso valore è stato registrato nel 2015, per poi salire a 3,5 milioni di € nel 2016.Nel 2017 è stato registrato un significativo aumento delle importazioni, che hanno raggiunto i 4,2 milioni di €; la crescita è continuata anche nel 2018, per un valore superiore ai 5,1 milioni di €.Tra tutti gli oggetti preziosi, quelli più importati nel 2018 sono stati i gioielli e le loro parti, per un valore di 3,8 milioni di €, mentre quelli meno importati sono stati gli oggetti in platino, per un valore di soli 14.000 €. In base ai dazi doganali derivati dall'importazione di oro, argento e gioielli, nel 2018 la UIO ha ricavato 1,02 milioni di €, mentre nel 2017 il valore delle entrate ammontava a 0,87 milioni di €.Nel periodo 2014-2018 la Bosnia Erzegovina ha importato oggetti preziosi per oltre 19,4 milioni di €, da cui lo Stato ha ricavato oltre 3,8 milioni di € in dazi.Nello stesso periodo sono stati esportati gioielli, oro e argento per un valore di 27,9 milioni di €.Il valore delle esportazioni bosniache di metalli preziosi ha subito di anno in anno forti oscillazioni: nel 2012 il valore dell'export ammontava a 9,7 milioni di €, per poi raggiungere nel 2013 i 17,9 milioni di €; nel 2014 le esportazioni di metalli preziosi sono calate di oltre 10,2 milioni di €, per raggiungere un valore di 6,1 milioni di €.Nel periodo dal 2015 al 2017 le esportazioni di gioielli, oro e argento non hanno subito grandi cambiamenti e si sono aggirate attorno ai 5,1 milioni di €, mentre nel 2018 sono cresciute lievemente e hanno raggiunto un valore di 5,6 milioni di €. (ICE SARAJEVO)


Fonte notizia: Akta, 07.03. 2019