News dalla rete ITA

11 Settembre 2019

Regno Unito

KPMG AVVERTE - BREXIT SENZA ACCORDI SPINGEREBBE IL REGNO UNITO ALLA RECESSIONE

Una Brexit senza accordi avrebbe un significativo impatto economico a breve termine sul Regno Unito, facendo precipitare il paese in recessione, causando un aumento della disoccupazione e provocando una riduzione stimata del 6% dei prezzi delle case, secondo un rapporto della società di contabilità globale KPMG . La recessione a seguito dell’uscita del Regno Unito dall'UE senza accordo durerà probabilmente per un anno e porterebbe ad una contrazione nell'economia del Regno Unito dell'1,5%, nel 2020. Il declino fino al 10% nel tasso di cambio della sterlina, in questo scenario, spingerebbe l'inflazione al di sopra dell'obiettivo del 2% della Banca d'Inghilterra, potenzialmente costringendo la Banca Centrale a ridurre il tasso di interesse chiave quasi zero, ha affermato Yael Selfin, capo economista di KPMG. Se il Regno Unito riuscirà a concordare un accordo con l'UE, tuttavia, la crescita dovrebbe raggiungere l'1,5% nel prossimo anno mentre i prezzi delle case potrebbero aumentare dell'1,3%. Le preoccupazioni per l'avvicinarsi della recessione nel Regno Unito sono già in aumento. Dopo aver registrato una crescita dello 0,5% nel primo trimestre dell'anno, l'economia si è contratta dello 0,2% tra aprile e giugno, a causa dell'incertezza creata dal prolungato processo Brexit, il quale ha ostacolato gli investimenti e la crescita. Un rapporto separato della Resolution Foundation, un think tank indipendente, ha messo in guardia sul fatto che la prossima recessione potrebbe rivelarsi "inutilmente dolorosa" poiché la BoE tradizionalmente ha abbassato i tassi di interesse in media di 5 punti percentuali, in risposta alle recessioni degli ultimi decenni. Con il tasso chiave della Banca Centrale che si attesta già allo 0,75%, "è difficile prevedere tagli dei tassi di interesse di oltre 1 punto percentuale", afferma il rapporto. I profondi tagli dei tassi combinati con il QE "hanno fornito i due terzi del sostegno complessivo all'economia" al momento della crisi finanziaria, impedendo con successo che la recessione si trasformasse in depressione. Ma con costi di indebitamento del governo decennale già inferiori allo 0,5%, un'ulteriore riduzione dei tassi a lungo termine avrà un impatto minore. Inoltre, KPMG ha aggiunto che è improbabile che il calo atteso del 10% nel valore della sterlina aiuti gli esportatori del paese in quanto le questioni irrisolte e la confusione sul commercio e sui confini annullerebbero l'impatto positivo di una valuta più debole.   (ICE LONDRA)


Fonte notizia: Financial Times