News dalla rete ITA

1 Ottobre 2019

Romania

GLI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN ROMANIA AL RIALZO NEL 2018

La Banca Nazionale di Romania, in collaborazione con l'Istituto Nazionale di Statistica, ha svolto una ricerca per determinare gli investimenti diretti esteri (IDE).  Il flusso netto degli investimenti diretti esteri (IDE) nel dicembre 2018 ha raggiunto i 5,27 miliardi di euro (4,94 miliardi di euro registrati a febbraio 2018), di cui: 5546 milioni di euro di partecipazioni (livello ottenuto aggiungendo il contributo al capitale delle società di investimenti diretti esteri, pari a 2973 milioni di euro, con l'utile reinvestito nelle società di investimenti diretti esteri pari a 2573 milioni di euro); 280 milioni di euro di crediti netti da investitori stranieri (il valore dei prestiti netti ricevuti dagli investitori stranieri era inferiore al valore dei crediti netti loro concessi). Il saldo degli investimenti diretti esteri al 31 dicembre 2018 ha raggiunto il livello di 81.124 miliardi di euro, di cui: 57.479 miliardi di capitale proprio, compreso l'utile reinvestito (70,85%) e 23,645 miliardi di euro di crediti netti ricevuti da investitori stranieri (29,15%). I proventi netti da partecipazioni ammontano a 6123 milioni di euro e sono stati calcolati come la differenza tra gli utili al netto delle imposte ottenuti dalle società di investimenti diretti esteri che hanno registrato utili, per un importo di 8930 milioni di euro, e le perdite delle società di investimenti diretti esteri che hanno registrato perdite di valore di 2807 milioni di euro. Il margine di interesse ha registrato un livello di 672 milioni di euro ed è stato calcolato come la differenza tra l'interesse ricevuto da investitori diretti esteri per i prestiti concessi a società di proprietà in Romania e l'interesse pagato da loro per i crediti ricevuti dalle loro società in Romania, entrambi direttamente e tramite altre società non residenti all'interno del gruppo. bucarest@ice.it (ICE BUCAREST)


Fonte notizia: Comunicato stampa della BNR del 30 settembre 2019 e notizia Agenzia Agerpres