News dalla rete ITA

11 Ottobre 2019

Regno Unito

BORIS JOHNSON E LEO VARADKAR HANNO DATO NUOVA VITA ALLA BREXIT

I due leader, Johnson e Varadkar, ridanno speranze all’accordo sulla Brexit, che si stavano sgretolando solo pochi giorni fa. Il primo ministro irlandese ha proclamanto che ora è possibile raggiungere un accordo entro il 31 ottobre. Di ciò che è stato effettivamente discusso e quali siano i compromessi raggiunti non si sa ancora molto. Tuttavia, il fulcro degli incontri a Bruxelles continua a riguardare il confine doganale e il consenso dell’assemblea. Infatti, sono due i problemi chiave: i dettagli di un futuro regime doganale tra l'Irlanda del Nord e la Repubblica d'Irlanda, e quindi l'UE; e come gestire la proposta di Johnson di conferire poteri di consenso all'assemblea dell'Irlanda del Nord sul futuro allineamento normativo con l'UE. Varadkar ha un vero incentivo a concludere un accordo, poichè la banca centrale irlandese sta ora stimando che una Brexit no-deal costerebbe al Paese circa 73.000 posti di lavoro nei prossimi due anni. Forse per questo motivo, il tono del leader irlandese è si è attenuato e la sua positività suggerisce una vera svolta. L'attenzione ora è su Bruxelles. L'incontro tra Barnier e Barclay fornirà la prova cruciale se il Regno Unito ha adattato le sue proposte abbastanza da dare il via a colloqui formali. Sembrerebbe che gli stati membri dell'UE abbiano dato il permesso per i negoziati. Il governo del Regno Unito era ansioso di aprire tali negoziati e questo è segno di progressi con l'Unione. Gli intensi colloqui si terranno nei prossimi giorni, prima del ​​vertice del 17 e 18 ottobre. “Naturalmente, non esiste alcuna garanzia di successo e il tempo è praticamente scaduto. Ma anche la minima possibilità deve essere usata". "La Brexit non sarà mai la scelta dell'UE", questo è quanto affermato dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk dopo l'incontro con il premier cipriota. Anche per la viceministra francese agli Affari europei, Amelie de Montchalin, l'accordo è "ancora possibile", anche se l'ipotesi di un "no deal" è lo scenario più probabile. In ogni caso, la Camera dei Comuni si riunirà, straordinariamente, sabato 19 ottobre per un dibattito critico sulla Brexit in seguito al vertice. Se il primo ministro stipulasse un accordo con l'UE tra giovedì e venerdì, dovrà sottoporlo al Parlamento per l'approvazione finale. Il Benn Act, afferma che lo stesso deve essere approvato entro quel sabato al più tardi. In caso contrario, Johnson sarà costretto a chiedere una proroga dell'articolo 50 di tre mesi. Grazie all’ottimismo, derivante da un possibile accordo, le attività della sterlina e del Regno Unito sono aumentate di colpo nei giorni scorsi. La sterlina è stata recentemente dell'1,7% più alta rispetto al dollaro a $ 1,2650. Inoltre, negli ultimi due giorni di negoziazione ha registrato un progresso superiore al 3,5%, il maggiore aumento dalla crisi finanziaria. Anche le azioni del mercato domestico sono salite alla Borsa di Londra, con la Royal Bank of Scotland in crescita di oltre l'11% e sulla buona strada per il suo più grande aumento giornaliero dal 2010. (ICE LONDRA)


Fonte notizia: Bloomberg, BBC News & Financial Times