News dalla rete ITA

17 Ottobre 2019

Romania

ROMANIA: UN RUMENO SU CINQUE È A RISCHIO DI POVERTÀ ECONOMICA

La Romania registra ancora il secondo più alto tasso di popolazione a rischio di povertà o esclusione sociale tra i paesi dell'Unione Europea, nonostante un significativo miglioramento negli ultimi dieci anni, secondo i dati di Eurostat. La popolazione a rischio di povertà ed esclusione sociale rappresentava meno di un terzo (32,5%) della popolazione totale nel 2018, in calo di 11,6 punti percentuali rispetto a dieci anni fa. Solo la Bulgaria ha registrato un tasso più elevato (32,8%). All'estremità opposta della scala, i tassi più bassi sono stati registrati in Repubblica Ceca (12,2%), Slovenia (16,2%), Slovacchia (16,3%, dati 2017), Finlandia (16,5%), Paesi Bassi (16,7%), Danimarca e Francia (17,4%) e Austria (17,5%). Il tasso in Romania supera di oltre il 10% la media del 21,7% dell'UE. Le persone a rischio di povertà sono coloro che vivono con un reddito disponibile equivalente al di sotto della soglia di rischio di povertà, che è fissata al 60% del reddito disponibile equivalente nazionale mediano dopo i trasferimenti sociali. Per quanto riguarda la Romania, la soglia di povertà è pari a 9002 ron (1934 euro) per singolo e 18905 ron (4062 euro) per una famiglia composta da due adulti e due bambini sotto i 14 anni. In Italia, invece, è di 10106 euro per singolo e 21223 euro per una famiglia di due adulti e due bambini al di sotto dei 14 anni. bucarest@ice.it  (ICE BUCAREST)


Fonte notizia: Comunicato stampa di Eurostat ec.europa.eu/eurostat