News dalla rete ITA

29 Ottobre 2019

Argentina

VACA MUERTA: SARANNO POSIZIONATI NUOVI SISMOGRAFI NELL'AREA NEUQUÉN - MENDOZA

Nella di Neuquén fino al sud di Mendoza installeranno nuove stazioni sismologiche per misurare l'attività sismica nell'intera area di influenza di Vaca Muerta, dove ha luogo il fracking. A questo proposito, Silvana Bustos, coordinatore tecnico dell'Istituto Nazionale per la Prevenzione Sismica (Inpres) ha spiegato ad FM Vos (94.5) ed il giornale Diario San Rafael, che la rete di stazioni sismologiche e la rete di accelerometri sono le due reti di monitoraggio sismico esistenti dagli anni '70 che l'Inpres mantiene, che si sono rafforzate nel corso degli anni.Sarà ora implementata una rete locale con l'obiettivo specifico di monitorare Vaca Muerta. Questi sono 26 nuovi sismografi che verranno aggiunti alla rete attuale, che ha 55 strumenti che monitorano 24 ore in tutto il paese. Saranno collocati nelle provincie di Neuquén, Río Negro, La Pampa e, naturalmente, nel sud di Mendoza: uno a San Rafael e uno a Malargüe. Analizzeranno il possibile impatto che potrebbe essere generato dall'estrazione di petrolio e gas che ha luogo a Vaca Muerta.Molte volte è legata al fracking con la produzione di terremoti, su cui Bustos ha affermato che "ciò che deve sempre essere fatto sono studi seri attraverso strumenti per essere in grado di definire con certezza e con dati verificabili in caso affermativo, se è interessato, qual è il livello di affetto nel caso in cui esista e, naturalmente, le modalità per regolarlo ”.Tutte le informazioni che emergono dalle nuove apparecchiature saranno di natura pubblica, poiché i sistemi funzionano oggi: i terremoti di oltre 2,5 gradi vengono pubblicati automaticamente o quasi automaticamente sul sito Web di Inpres. Per quelle che vengono chiamate "micro-sismicità (movimenti inferiori a 2,5 gradi), ci sarà un rapporto in programma con il governo di Neuquén, che potrebbe essere mensile o trimestrale. (ICE BUENOS AIRES)


Fonte notizia: Revista Petroquimica on line, 28.10.2019 / Diario San Rafael