News dalla rete ITA

1 Aprile 2020

Qatar

GECF: POSSIBILE AUMENTO DELLA COMPETITIVITÀ DEL GAS

Secondo quanto afferma uno studio condotto dal Gas Exporting Countries Forum (GECF), con sede a Doha, in Qatar, l’impatto delle attuali condizioni del mercato internazionale sulla domanda di gas sarà duplice. Da un lato, infatti, esse possono stimolarne la domanda, aumentando in tal modo la sua competitività rispetto ad altri combustibili, mentre dall’altro una ridotta attività economica, industriale e commerciale su scala globale può, al contrario, ridurne la richiesta.  Secondo lo studio del GECF, gli attuali prezzi bassi del greggio aumenteranno la competitività del gas soprattutto in molti paesi asiatici, tra cui Cina, Giappone e Corea del Sud. Inoltre, specialmente proprio in Asia, la crescente competitività dei prezzi dovrebbe sostenere i progetti di conversione dal carbone al gas attualmente in atto. Dall’inizio del 2020, infatti, si registra un calo significativo del prezzo del GNL e, nel mese di febbraio, il prezzo medio mensile è sceso al di sotto del prezzo del carbone cinese. Con gli stati del Vecchio Continente che si trovano in una fase di blocco forzato per contrastare il coronavirus, la domanda di produzione di energia è necessariamente rallentata: secondo le analisi degli esperti del settore, nei giorni 16 e 17 marzo la domanda è diminuita del 15% in Italia, del 9% in Francia, del 6% nel Regno Unito e del 2,5% in Germania rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tuttavia, durante tutto il mese di marzo la distribuzione di GNL in Europa non ha subito cali significativi, anzi i flussi dei gasdotti dalla Russia si sono mantenuti costanti e quelli dalla Norvegia si sono dimostrati addirittura in aumento. Il GECF prevede comunque che per il momento, nel suo insieme, il mercato globale del gas continuerà ancora ad essere messo alla prova (soprattutto nel breve e medio termine) da un eccesso di offerta di GNL e dalla contemporanea riduzione della domanda dovuta alla diminuzione delle attività economiche e industriali in tutto il mondo. Anche i possibili scenari futuri della guerra dei prezzi del petrolio sono un elemento da non sottovalutare e da analizzare con attenzione.  Fonte: The Peninsula  (ICE DOHA)


Fonte notizia: The Peninsula