News dalla rete ITA

27 Maggio 2020

Romania

FONDI EUROPI E AIUTI DI STATO FINO A 1 MILIARDO DI EURO PER LE IMPRESE NEI PROSSIMI DUE MESI

Sono gli ultimi mesi in cui l'Unione europea (UE) e il governo rumeno forniscono fondi fino a 1 miliardo di euro per il sostegno finanziario delle imprese in settori chiave dell'economia che desiderano fare investimenti per lo sviluppo di un business, oltre ad aiutare i settori interessati dalla crisi in seguito al COVID-19 attraverso la possibilità di ottenere un sostegno finanziario sotto forma di sovvenzioni o aiuti statali. Con uno stanziamento compreso tra 150 milioni di euro e la possibilità di un ulteriore supplemento di 500 milioni, le società interessate a finanziare gli investimenti possono accedere a fondi di centinaia di milioni di euro per lo sviluppo del business, rivolti sia a start-up, PMI e grandi imprese. Inoltre, l'Unione europea assegna il 60% dei fondi non rimborsabili ai grandi consumatori di energia, per un importo massimo di 15 milioni di euro. I fondi possono essere investiti nello sviluppo dei propri impianti di cogenerazione ad alta efficienza, che consentirebbero alle aziende di produrre l'elettricità e il calore necessari per operare e ottenere sostanziali riduzioni del consumo di energia.Le società che lavorano nei settori di costruzione, magazzino/logistica, industria alberghiera o produzione possono presentare domanda per ottenere fondi europei fino a 6 milioni di euro attraverso l'Asse di finanziamento 2.2, parte del Programma operativo regionale (POR) 2014-2020. L'ultimo periodo ha rappresentato una vera sfida per il contesto imprenditoriale rumeno, ma esistono soluzioni per superarlo attraverso investimenti effettuati con il sostegno dell'UE. Nel contesto in cui l’assegnazione di 150 milioni di euro può essere integrata fino a 500 milioni di euro e i prossimi fondi europei saranno disponibili solo nel 2021-2022, si raccomanda alle aziende che desiderano richiedere queste sovvenzioni per il proprio progetto di presentare le richieste rigorosamente preparati e con il supporto di un consulente specializzato, in modo tale che il progetto possa beneficiare anche di un vantaggio competitivo per massimizzare le sue possibilità di successo. L'Asse prioritario del POR 2014-2020 finanzia sia la creazione di una nuova unità di produzione/servizio, sia la diversificazione della produzione di un'unità esistente, attraverso prodotti/servizi che non erano stati precedentemente fabbricati. I settori ammissibili includono le aziende che desiderano accedere a fondi europei per: attività di costruzione; attività di stoccaggio; cure mediche e dentistiche; raccolta e trattamento dei rifiuti; settore del tessile, calzature, pelletteria; fabbricazione di apparecchiature elettroniche; alberghi e altre strutture di pernottamento; industria del legno, lavorazione di base e fabbricazione di mobili; stazioni radio e TV; produzione pubblicitaria; programmazione e consulenza IT. Il programma operativo regionale POR 2014-2020 è uno dei programmi attraverso i quali la Romania può accedere ai fondi strutturali e di investimento europei dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) nel periodo attuale. Il POR 2014-2020 è gestito dall'autorità competente per il POR all'interno del Ministero dei Lavori pubblici, dello sviluppo e dell'amministrazione ed è stato adottato dalla Commissione europea il 23 giugno 2015. L'obiettivo principale è quello di aumentare la competitività economica e migliorare le condizioni di vita delle comunità locali e regionali sostenendo lo sviluppo dell'ambiente imprenditoriale, delle infrastrutture e dei servizi per lo sviluppo sostenibile delle regioni, in modo che questi possano gestire in modo efficiente le loro risorse e realizzare il loro potenziale di innovazione e assimilazione del progresso tecnologico.   (ICE BUCAREST)


Fonte notizia: www.profit.ro