News dalla rete ITA

27 Giugno 2020

Colombia

IL PUNTO SUL SETTORE ELETTRICO NEL PAESE

Secondo i dati forniti dalla società XM, controllata dell’impresa ISA, leader nel Paese nella trasmissione di energia elettrica, la domanda di energia elettrica a maggio scorso è diminuita del 6,65% rispetto allo stesso mese del 2019: nei primi cinque mesi dell’anno in corso la flessione è stata invece complessivamente del 1,71% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In proposito XM ha evidenziato che, sempre nel mese di maggio, i consumi di energia elettrica nel comparto residenziale, commerciale e della piccola industria (mercato regolamentato) hanno fatto registrare una riduzione dell'1,69%, mentre i consumi della media e grande industria (mercato non regolamentato) hanno fatto segnare una flessione del 17,45%.La società ha segnalato inoltre che il maggior apporto alla domanda di energia elettrica nel periodo in esame è stato fornito dagli impianti idroelettrici, con una produzione di 109,40 gigawattora al giorno, in calo del 5,25% rispetto al mese precedente di aprile, in cui sono stati generati 115,47 gigawattora.L’impresa comunque ha tenuto a precisare che il livello dei bacini di raccolta del Paese, destinati alla produzione di energia elettrica, si è attestato al 35,2% del volume utile, appena al di sopra di 3,4 punti percentuali del livello riportato alla fine di aprile (31,8%).Inoltre, a tale proposito, il direttore Centro Nacional de Despacho dell'XM - Jaime Alejandro Zapata -, ha reso noto che il contributo idrico fornito dalle precipitazioni nel mese di maggio ha raggiunto un valore medio pari al 58% della media mensile storica. Secondo l'ultimo rapporto dell’Instituto de Hidrología, Meteorología y Estudios Ambientales (Ideam) si prevedono che tale contributo continuerà ad essere deficitario nei mesi di giugno e di luglio, in particolare in alcune regioni del Paese.Ci si auspica comunque che, anche questa volta le parti in causa coinvolte riescano a lavorare in sinergia e a porre in atto quelle misure come quelle grazie alle quali, come è stato già fatto negli ultimi 30 anni, dove, pur avendo subito ogni quattro o cinque anni gli effetti climatologici avversi del fenomeno El Niño, si è riusciti ad evitare al Paese razionamenti di energia elettrica e riduzioni dell’attività delle centrali idroelettriche. (ICE BOGOTÀ)


Fonte notizia: https://www.elcolombiano.com/negocios/economia/asi-le-va-al-mercado-de-energia-electrica-KE13174295