News dalla rete ITA

16 Settembre 2020

Francia - Paesi Bassi - Irlanda - Grecia - Portogallo - Belgio - Lussemburgo - Finlandia - Austria - Malta - Estonia - Slovacchia - Slovenia - Italia - Stati Uniti - Cipro - Cina

LIEVE CALO DEL SURPLUS COMMERCIALE DELL’UE NEGLI SCAMBI CON IL RESTO DEL MONDO NEI PRIMI SETTE MESI DEL 2020

La prima stima di Eurostat del valore delle esportazioni di beni dai Paesi dell’UE ai Paesi extra-UE nel mese di luglio 2020 è di 168,5 miliardi di euro, in calo dell'11,3% rispetto al corrispondente mese del 2019. Le importazioni dal resto del mondo si sono attestate a 142,6 miliardi di euro, anch’esse in calo (-16%) rispetto a luglio 2019. L'UE ha comunque registrato un surplus commerciale di 25,8 miliardi di euro negli scambi di merci con il resto del mondo nel mese di luglio 2020, in aumento rispetto al valore di luglio 2019 (+20,2 miliardi di euro). Il commercio intra-UE è diminuito, attestandosi a 239,2 miliardi di euro nel luglio 2020, con un calo del 7,4% rispetto al valore del corrispondente mese dell’anno precedente.Sempre per quanto concerne il mese di luglio, nel 2020 rispetto al 2019 le esportazioni di merci sono diminuite per tutti gli Stati membri, ad eccezione di Malta (+16,1%), Slovenia (+10,6%), Estonia (+9,4%) e Slovacchia (+8,8%). I Paesi che hanno visto la più ampia diminuzione delle esportazioni sono Grecia (-23,8%), Finlandia (-19,6%) e Francia (-19,5%).Per quanto riguarda le importazioni, comparando i dati del mese di luglio 2020 con quelli di luglio 2019, tutti gli Stati membri hanno registrato cali significativi, ad eccezione dell'Irlanda (+2,7%). Le diminuzioni maggiori delle importazioni sono state osservate nei seguenti Paesi: Cipro (-32,7%), Austria (-31,3%) e Portogallo (-30,1%).Se si considerano invece i primi 7 mesi del 2020, le esportazioni di merci nei Paesi extra-UE sono diminuite del 12,2% rispetto all’anno precedente per attestarsi a 1089,7 miliardi, così come le importazioni, il cui valore complessivo è stato pari a 990 miliardi di euro, in calo del 13,1% rispetto a gennaio-luglio 2019. Di conseguenza, l'UE ha registrato un surplus commerciale di 99,7 miliardi di euro, lievemente in calo rispetto al valore dei primi sette mesi del 2019 (+101,8 miliardi di euro). Il commercio intra-UE è diminuito anch’esso per attestarsi a 1.599,5 miliardi di euro nel periodo gennaio-luglio 2020 (-11,9% rispetto all’analogo periodo del 2019).Si osserva infine che nei primi sette mesi del 2020, la Cina ha superato gli Stati Uniti quale principale partner commerciale dell'UE. Tale risultato è dovuto ad un aumento delle importazioni da parte dei Paesi dell' UE (+4,9%) unito ad un lieve calo delle esportazioni (-1,8%) rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente, mentre sono calate in  modo significativo sia le importazioni dagli Stati Uniti (-11,7%) che le esportazioni verso tale Paese (-9,9%). (ICE BRUXELLES)


Fonte notizia: Sito web Eurostat


Allegati