News dalla rete ITA

29 Settembre 2020

Bolivia

BOLIVIA: GOVERNO E IMPRESE STUDIANO UN NUOVO MODELLO DI SVILUPPO

Il governo nazionale cercherà di completare l'iter di approvazione di un prestito di 130 milioni di dollari destinato a riattivare le micro, piccole e medie imprese (MSME), come parte della politica di riattivazione economica, ha riferito il Viceministro degli investimenti pubblici, Gonzalo Quiroga.Questo credito e altri finanziamenti esterni saranno presentati nei giorni successivi all'approvazione dell'Assemblea Legislativa Plurinazionale.L'autorità ha ribadito la necessità per il legislativo, controllato dalla maggioranza del Movimento verso il socialismo (MAS), di favorire i settori più bisognosi di aiuti economici, distribuendo i 1.200 milioni di dollari in diversi prestiti paralizzati per ragioni politiche.Le risorse finanziarie ferme in Parlamento ono prestiti esterni di $ 254 milioni concessi dalla Banca Mondiale (WB), $ 450 milioni dalla Inter-American Development Bank (IDB), oltre ai 100 milioni di euro concessi dalla Francia, ha sottolineato Quiroga .Oltre a questi fondi immobilizzati, ci sono altri prestiti inferiori a 15 milioni di US $ destinati a Tacachira, all'impianto di depurazione, e altri 3 milioni di US $ concessi dall'Italia, per progetti di risanamento.Inoltre, il governo gestisce altri 210 milioni di dollari per le amministrazioni municipali, per la gestione locale dei processi di riattivazione. La Confederazione boliviane delle imprese private (CEPB) avvierà uno studio sugli investimenti privati per il prossimo decennio, che sarà coordinato con lo Stato e, in particolare, con il nuovo governo che emergerà dalle prossime elezioni generali.Lo studio si muoverà in continuità con il documento Country Vision 2030, elaborato anch'esso dalla CEPB, e sarà realizzato con il contributo della Fondazione Konrad Adenauer Stiftung in un ciclo di 13 sessioni virtuali (webinar), tra il 22 settembre e il 30 ottobre.Il primo incontro virtuale, previsto per il 22 settembre, muoverà da una diagnosi dell'ex presidente della CAF - Banca per lo sviluppo dell'America Latina, Enrique García, sulle condizioni economiche del paese, della regione e del mondo.Secondo quanto annunciato, lo studio affronterà i fabbisogni di capitali nei settori minerario, industriale, telecomunicazioni, PMI, regolamentazione finanziaria, cooperazione esterna, tecnologia e dell'innovazione. (ICE SANTIAGO)


Fonte notizia: El Mundo