News dalla rete ITA

26 Novembre 2020

Regno Unito

IL REGNO UNITO VERSO LA 'GREEN INDUSTRIAL REVOLUTION'

La "Green Industrial Revolution", annunciata negli ultimi giorni da governo Britannico, si concentra sui temi del nucleare, idrogeno, eolico e dei veicoli elettrici. Il programma presentato, che si articolerà di 10 punti, ha l’obiettivo di trasformare il Regno Unito e Londra in particolare, entro il 2030, tra le capitali con primato mondiale in sostenibilità ambientale, tecnologia e finanza "green". Ai fini dell’implementazione dei 10 punti del piano, il governo Britannico ha stanziato 12 miliardi di sterline che verranno allocati tra vari progetti tra cui; potenziamento della produzione di energia eolica mondiale (soprattutto quella a mare), realizzazione di nuove centrali nucleari (una grande e due piccole di nuova generazione), riduzione della dipendenza del Paese dal gas naturale investendo soprattutto sull'idrogeno (principalmente verde), sviluppo di nuove tecnologie per la cattura e stoccaggio di CO2, costituzione di quattro cluster tecnologici tra le regioni del Nord, Galles e Scozia,  sviluppo del trasporto sostenibile con bus elettrici, piste ciclabili e investimenti per l'auto elettrica. È stato anche previsto un fondo pari a un miliardo di sterline destinato al sostegno per la ricerca e la commercializzazione di tecnologie energetiche innovative. Il progetto ambizioso del governo Britannico può certamente presentare interessanti opportunità di collaborazione con l’Italia e con imprese italiane del settore quali ENI, Falck Renewables e Saipem già attive da tempo nello sviluppo di tecnologie green-tech.Per maggiori informazioni, si prega di consultare la sezione del sito Gov.uk (ICE LONDRA)


Fonte notizia: Ministero degli Affari Esteri LONDRA AMB