News dalla rete ITA

19 Febbraio 2021

Colombia - Ecuador - Peru' - Cile

IL PERÙ SI CANDIDA A HUB LOGISTICO-PORTUALE

Il governo peruviano punta ad attrarre i flussi commerciali tra il Sud America e l'Asia attraverso investimenti che mirano a rendere il paese un hub logistico nel panorama sudamericano.È già iniziata la costruzione di tre mega-opere che intendono espandere la capacità portuale del paese, oltre a rilanciare l'economia e fare del Perù, appunto, il principale snodo logistico e commerciale tra Asia e Sud America.Uno dei progetti più importanti è il Chancay Multipurpose Port, che richiederà 3 miliardi di dollari per la sua realizzazione. Il direttore generale dell'Autorità portuale nazionale del Perù (APN), Guillermo Bouroncle, ha dichiarato alla stampa che quest'opera mira a rendere disponibile un terminal moderno, ben attrezzato e di grandi dimensioni progettato per ricevere navi portacontainer di classe tripla E con una capacità di 18.000 container che coprono le rotte da e verso l'Asia. Si prevede la costruzione di quattro banchine, due delle quali per container con una capacità di 1 milione di TEU all'anno e le altre due per la movimentazione di rinfuse.  Ad arricchire l'offerta peruviana si sommano i nuovi terminal in concessione di Salaverry ed il molo sud del porto di Callao.   Trasformare Chancay in un hub regionale comporta le redistribuzione dei flussi di import ed export facenti capo ai paesi vicini come Colombia, Cile ed Ecuador, oltre a contribuire a decongestionare l'accesso al porto di Callao. Da parte sua, il Cile vuole rispondere alla sfida peruviana accelerando la costruzione del cd. Mega Porto di San Antonio, che dista circa 3 giorni di navigazione dal rivale peruviano e, quindi, avrebbe le carte in regola per catturare il traffico da e per l'Asia.  (ICE SANTIAGO)


Fonte notizia: Noticiaslogisticaytransporte.com