News dalla rete ITA

2 Marzo 2021

Romania

ROMANIA: L’EVOLUZIONE DELLA PRODUZIONE DI FARMACI NELL'ULTIMO DECENNIO

Il fatturato nel campo della produzione di medicinali locali è raddoppiato da 470 milioni di euro nel 2009 a oltre 900 milioni di euro nel 2019, mentre nello stesso periodo il numero di dipendenti è aumentato da 800 a 10 mila.Le fabbriche di medicinali locali hanno generato affari per 900 milioni di euro nel 2019, in aumento del 12% rispetto all'anno precedente e il doppio rispetto a un decennio fa, secondo i dati forniti dal registro delle imprese. I dati si riferiscono al business cumulativo delle aziende con due settori di attività: la produzione di prodotti farmaceutici di base e la produzione di preparati farmaceutici.Rispetto agli ultimi dieci anni, il numero di aziende nei due settori non è aumentato in modo significativo, passando da 159 aziende nel 2009 a 169 aziende nel 2019. Negli ultimi anni non sono stati effettuati investimenti di rilievo in nuovi stabilimenti produttivi, con i colossi internazionali che prediligono le rappresentanze per entrare nel mercato locale.In questo clima, l'industria farmaceutica locale ha mostrato i suoi limiti anche nel 2020, nel contesto in cui le fabbriche locali non potevano essere ridimensionate per produrre tipi di farmaci utilizzati a livello internazionale nella lotta contro il nuovo virus.Nel contesto di un maggiore consumo di medicinali su base annua, la quota di mercato delle fabbriche di farmaci è scesa dal 40% nel 2010 all'8% nel 2019, secondo le società di ricerche di mercato. Le più grandi aziende nella produzione di farmaci rumeni sono Terapia Cluj, Zentiva Bucarest, Sandoz, Antibiotice Iasi e Biofarm. Ci sono anche attori più piccoli nel mercato, che generano attività per 2/3 milioni di euro.Il valore dei prodotti rilasciati ai pazienti tra ottobre 2019 e settembre 2020 è stato di 3,5 miliardi di euro, in calo del 4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, secondo l'ultimo rapporto della società di ricerche di mercato Cegedim. Ciò significa che, a un fatturato simile nel 2020 con l'anno precedente, di 900 milioni di euro, solo un farmaco su quattro venduto in 12 mesi è uscito dai cancelli di una fabbrica rumena. Tuttavia, i grandi produttori basano i loro ricavi sulle vendite all'esportazione, tra il 16% e il 50% delle vendite totali dei tre maggiori produttori rumeni che vanno ai mercati esteri.Le 169 aziende che operano nel campo della produzione di farmaci danno lavoro a poco più di 10 mila persone, e la forza lavoro è un problema che le aziende del settore hanno dovuto affrontare negli ultimi anni. (ICE BUCAREST)


Fonte notizia: https://www.zfcorporate.ro/pharma/evolutia-productiei-de-medicamente-in-ultimul-deceniu-fabricile-19