News dalla rete ITA

8 Giugno 2021

Francia - Belgio

GRANDE ACQUISIZIONE IN FRANCIA PER IL COLOSSO DELL'IMBALLAGGIO BELGA VPK

Il consumo di carta dell’azienda francese Double A, è stato messo in crisi, nei mesi scorsi, dal calo dei consumi di carta da stampante legata al telelavoro per il covid, che si è aggiunto alla già spiccata tendenza alla digitalizzazione del lavoro. Di conseguenza, la fabbrica del gruppo thailandese con sede in Normandia, che impiega circa 240 persone, da diversi mesi lavora a metà della sua capacità produttiva e, per risollevarne le attività, il colosso belga dell'imballaggio VPK Packaging Group ha deciso di rilevare il sito per la cifra di 140 milioni.L'obiettivo è quello di convertirlo in un'unità di produzione di carta e imballaggi riciclati, al fine di servire i grandi centri di distribuzione del commercio elettronico, come Amazon, Decathlon, Vepee & co.Presente in 20 paesi e con circa 6.500 dipendenti, VPK è uno dei leader europei nell’imballaggio, il cui mercato sta crescendo dal 2 al 3% all'anno e che nel 2020, ha prodotto un fatturato di 1,3 miliardi di euro.Per l'azienda belga, che conta 65 fabbriche in 20 paesi, la nuova base francese, la terza per il settore carta nel paese, permetterà di soddisfare la domanda di carta nella zona strategica dell'Ile de France, considerato che fino ad ora per lo specifico segmento possedeva in Francia solo una sede a Strasburgo e una in Dordogna.Per quanto riguarda invece gli imballaggi, VPK possiede già una decina di stabilimenti, ai quali si è aggiunta l’anno scorso, a seguito di un’acquisizione,   Viallon Emballage, nella regione Alvernia-Rodano-Alpi, specializzata nel settore alimentare e dei vini. Altri sviluppi nello stesso anno riguardano l’investimento nella società britannica Corrboard, l'acquisizione di Encase, che ha permesso a VPK di avere un punto d'appoggio in Scozia e la costruzione del sito tecnologicamente più avanzato del mondo, guidato dall'intelligenza artificiale e situato al confine tra Norvegia e Svezia. (ICE BRUXELLES)


Fonte notizia: L'Echo