News dalla rete ITA

27 Luglio 2021

Lussemburgo

BREXIT: CIRCA 78 SOCIETÀ FINANZIARIE SCELGONO IL LUSSEMBURGO

Giovedì scorso, STATEC - l’Istituto nazionale di statistica del Lussemburgo - ha affermato che, sette mesi dopo la firma ufficiale, all'inizio del 2021, l’uscita del Regno Unito dall'Unione europea, ha accelerato il fenomeno della creazione di posti di lavoro nel settore dei servizi finanziari nel Paese. Già a partire dal 2016, 78 aziende hanno spostato le proprie operazioni in Lussemburgo, mentre da gennaio 2021, la piazza finanziaria del Granducato ha registrato i primi effetti della Brexit sulla crescita dell’occupazione nel settore, con un +1,5%, concentrato soprattutto nel primo trimestre dell’anno. Per cui, si stima che la metà dei posti di lavoro sia legata alla Brexit. In particolare, Statec sostiene che il Lussemburgo è il secondo paese prescelto dalle società finanziarie britanniche - soprattutto compagnie assicurative e fondi di investimento -, attratte dall'apertura del mercato, dalla regolamentazione che facilita gli scambi internazionali, così come dal multilinguismo, ed ergo, propense a trasferire tutta o una parte delle loro attività. Tra le aziende che hanno dichiarato il trasferimento delle proprie attività figurano la multinazionale americana JP Morgan e l’istituto americano Northern Trust, entrambi fornitori di servizi di gestione patrimoniale. Da un lato, quindi, la creazione di posti di lavoro nel settore della finanza dovrebbe continuare a crescere, soprattutto per quanto riguarda i fondi d’investimento, per cui il Lussemburgo è primo Paese europeo e secondo al mondo. Dall’altro però, questo aumento complessivo dei posti di lavoro rimane incerto a causa delle  banche, che potrebbero essere colpite dai tagli annunciati a livello europeo. Relativamente, invece, alla questione dell’impatto complessivo dell"accelerazione dell'occupazione sulla crescita del Paese, essa resta aperta, secondo STATEC, che ricorda però, che il 25% del PIL deriva dal settore finanziario. (ICE BRUXELLES)


Fonte notizia: Luxemburger Wort, 23 luglio 2021