News dalla rete ITA

28 Luglio 2021

Libano

FESTIVAL DI CANNES: GLI STILISTI LIBANESI AL RENDEZ-VOUS DEL RED CARPET

Raramente il mondo arabo è stato così presente al Festival di Cannes come per questa 74a edizione che si è svolta contro ogni previsione. Oltre ai film nominati nelle categorie più prestigiose, l'alta moda non doveva essere da meno. Il fascino tradizionale dei stilisti di moda libanesi ha resistito brillantemente, sia alla crisi economica che ha devastato il loro piccolo paese, sia alla pandemia che ha ostacolato il mondo per due anni.  Il 14 luglio abbiamo citato in questa stessa rubrica una gonna della collezione haute couture autunno-inverno 2021-2022 di Tony Ward dedicata ai disturbi dell'immagine.  Questa gonna ricamata di cristalli e paillettes evoca un paesaggio reso dal satellite, e sembra tagliata nella materia di istmi e oceani, lacerata dal passaggio di una nuvola o di un anticiclone che lascia vuoti sensuali.  Al prestigioso galà dell'amfAR dedicato alla ricerca sull'AIDS, l'attrice hostess di questa stagione Sharon Stone lo ha indossato con la sua innata eleganza, trasformandolo in palese in un mondo che fatica a trovare la sua consistenza.Lo stilista italo-libanese di formazione francese è un abituato di eventi internazionali, e non è la prima volta che veste Sharon Stone. Per questa edizione del Festival di Cannes, i suoi abiti sono stati scelti anche da Rose Bertram, Fatima Almomen, Leonie Hanne e Karen Wazen.  Il pluripremiato couturier Nicolas Jebran, dal canto suo, ha vestito Rose Bertram, modella protagonista di questa edizione, con un tubino bianco con strascico a maniche lunghe e collo sciallato oversize.  Anche l'attrice, cantante e ballerina Kat Graham è stata vista indossare uno dei suoi modelli, un abito a cariatide plissettato rosso vermiglio, decorato con un motivo scultoreo che evoca un acchiappasogni sul davanti.  Per il gala dell'amfAR, Kat Graham ha prestato la sua figura scultorea a un tubino futuristico grondante di cristalli d'argento, proprio come l'influencer Jessica Wang ha brillato in un abito da principessa nero Nicolas Jebran foderato con una sontuosa sottoveste bianca.  Da parte sua, Rami Kadi ha irradiato sul famoso red carpet la modella Hana Cross in un tubino punteggiato da strisci frangiati, busto incrociato scolpito, tempestato di perle bianche.  Allo stesso modo, la modella venezuelana Michell Roxana è stata fotografata con la direttrice della moda globale di Harper's Bazaar, Carine Roitfeld, inguainata in un tubino Rami Kadi adornato con ricami tatuati nel motivo Op'art di paillettes argentate. Anche la modella iraniana Mahla Ghajaberi ha fatto colpo con un abito dalla costruzione sofisticata tagliato con una stampa a balze multi-volume.  Mohammad Ashi, il più libanese degli stilisti sauditi e la cui sede si basa a Beirut, dal canto suo ha vestito la modella Noel Capri con uno spettacolare abito giallo con grandi balze e frilly per un passaggio sulla Croisette che ha provocato un diluvio di scoppiettanti bagliori.  Ovviamente non era da meno Élie Saab, che in particolare ha sublimato l'attrice Paz Vega con un fluido abito art déco ricamato con motivi stilizzati neri e argento.  Élie Saab ha vestito anche la top model Nieves Alvarez con un abito da sera in seta grigio chiaro trasparente discretamente illuminato da paillettes ricamate, segnato in vita da una preziosa fibbia e rialzato sulla spalla con un volume di nuvola etereo.  Lo stilista Rabih Kayrouz, guarito dal grave infortunio durante la doppia esplosione al porto di Beirut il 4 agosto, si è riallacciato al suo innato spirito festaiolo vestendo l'attrice Natacha Lindinger con un lungo abito bianco trasparente e plissettato, con maniche impreziosite da volant imitando la pelliccia. (ICE BEIRUT)


Fonte notizia: L'Orient le Jour