News dalla rete ITA

2 Agosto 2021

Lussemburgo

INGENTI INVESTIMENTI DI ARCELORMITTAL PER RIDURRE LE EMISSIONI DI CO2

ArcelorMittal - il colosso industriale mondiale operante nel settore dell'acciaio, con sede in Lussemburgo, intende investire 10 miliardi di dollari (circa 8,4 miliardi di euro) per la riduzione delle proprie emissioni di CO2 nei prossimi dieci anni. Il gruppo, fondato dall'imprenditore indiano Lakshmi Mittal, aveva già promesso di agire in tale direzione. L’Europa si attendeva una riduzione del 30% delle emissioni di CO2. Finalmente,  In occasione della pubblicazione dei risultati trimestrali, il  29 luglio, il produttore ha annunciato che, per la prima volta, si è posto l'obiettivo di ridurre le proprie emissioni globali di carbonio del 35% entro il 2030. Tra i comparti industriali, quello siderurgico è il più inquinante: insieme al cementizio, la produzione di acciaio rappresenta il 7% delle emissioni di CO2 del pianeta. A lungo termine, l’azienda, che da quest’anno è guidata dal figlio di Mittal - Aditya -, si ripromette di raggiungere il traguardo delle emissioni zero entro il 2050, ovvero emettere meno CO2 di quella che consuma. Obiettivo in linea con l'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, adottato nel 2015. Tuttavia, gli obiettivi dell’azienda non tengono conto delle emissioni indirette, ossia quelle causate a monte dal trasporto delle materie prime necessarie. Per raggiungere l'obiettivo, Acelor-Mittal, ad esempio, utilizzerà l'idrogeno verde come combustibile per gli altiforni. Il progetto di punta è la costruzione del nuovo impianto DRI a idrogeno verde a Gijon (Spagna). Il gruppo scommette anche sull’aumento della produzione di acciaio da rottame, meno inquinante. Si tratta però, di progetti costosi e, a lungo termine, le tecniche di produzione dell'acciaio a basso tenore di carbonio, forse, miglioreranno, ma oggi non è così, avverte l’azienda. Dei dieci miliardi di dollari di investimenti si prevede spenderne un buon terzo entro il 2025. Per rassicurare alcuni degli investitori, preoccupati delle conseguenze finanziarie delle ambizioni ambientali di ArcelorMittal, l’azienda dichiara che l'attività è fiorente ed in piena ripresa dopo un anno 2020 appesantito dalla crisi del Covid-19. (ICE BRUXELLES)


Fonte notizia: L'essentiel, 29 luglio 2021