News dalla rete ITA

4 Ottobre 2021

Francia - Paesi Bassi - Germania - Regno Unito - Irlanda - Grecia - Portogallo - Lussemburgo - Svizzera - Romania - Russia - Italia - Stati Uniti - Cina

UE: SURPLUS DI 108,8 MILIARDI NELLA BILANCIA DEI PAGAMENTI NEL 2° TRIMESTRE 2021

Nel secondo trimestre del 2021 la bilancia dei pagamenti dell'UE ha registrato un avanzo complessivo di 108,8 miliardi di euro (3,1% del PIL), in calo rispetto al surplus di 122,9 miliardi di euro (3,7% del PIL) del primo trimestre del 2021 e in aumento rispetto all’avanzo di 80 miliardi di euro (2,6% del PIL) registrato nel secondo trimestre del 2020, secondo le stime diffuse da Eurostat. Per quanto concerne i settori, è diminuito l'avanzo nel settore delle merci (+74,4 miliardi di euro rispetto a +96,4 miliardi di euro), così come nel settore dei servizi (+ 27,2 miliardi di euro rispetto a +31,9 miliardi di euro). E' diminuito però anche il disavanzo del conto capitale (-0,4 miliardi di euro rispetto a -3,5 miliardi di euro).Con riferimento ai partner commerciali, l'UE ha registrato un avanzo nei confronti di Regno Unito (+53,6 miliardi di euro), Stati Uniti (+25,3 miliardi di euro), Svizzera (21,9 miliardi di euro), Hong Kong (+5,9 miliardi di euro), Canada (+4,3 miliardi di euro), Brasile (+4,2 miliardi di euro). Si registra un disavanzo nei confronti di Cina (-20,9 miliardi di euro), Russia (-7,1 miliardi di euro), centri finanziari offshore (-3,9 miliardi di euro).Gli investimento diretti dell'UE in Paesi terzi sono aumentati nel secondo trimestre del 2021 di 0,4 miliardi di euro, mentre gli investimenti diretti nell’UE sono cresciuti di 7,4 miliardi di euro. Per quanto riguarda gli Stati membri dell'UE, sulla base dei dati non destagionalizzati disponibili, 14 Stati membri hanno registrato avanzi e 13 hanno avuto disavanzi nel secondo trimestre del 2021. Gli avanzi più elevati sono stati conseguiti da Germania (+56,7 miliardi di euro), Paesi Bassi (+23,6 miliardi di euro), Italia (+16,3 miliardi di euro) e Irlanda (+15,0 miliardi di euro). I disavanzi maggiori sono stati registrati da Francia (-6 miliardi di euro), Grecia (-4,7 miliardi di euro), Romania (-4,6 miliardi di euro) e Portogallo (-1,5 miliardi di euro). Il report è disponibile al seguente link. (ICE BRUXELLES)


Fonte notizia: Sito web Eurostat