News dalla rete ITA

26 Ottobre 2021

Germania

TRE STUDI SULLE OPPORTUNITÀ DI MERCATO PER I MOBILI PER UFFICIO DOPO LA PANDEMIA

Il mondo dell'ufficio sta cambiando rapidamente a causa della pandemia e la società di consulenza aziendale Titze ha deciso di approfondire la tematica conducendo tre studi di mercato: -Mercato dei mobili per ufficio in Germania fino al 2030 -Mercato delle sedute per ufficio in Germania fino al 2030 -Mercato delle postazioni di lavoro per uffici in Germania fino al 2030 Gli studi esaminano in dettaglio lo status quo del mercato e analizzano il background del mondo dell'ufficio, il volume del mercato, le strutture dei fornitori e del commercio così come l'assortimento e le tendenze. Gli studi si concentrano sulle opportunità di vendita nel canale online (in forte espansione) e nelle sedi fisiche. Durante la pandemia, i tre gruppi analizzati si sono comportati in modo molto diverso. Il volume dell'offerta del mercato interno è sceso da 2.482 milioni di euro nel 2020 a 2.279 milioni di euro. I mobili per ufficio sono nel mezzo con -7,3% e si avvicinano relativamente alla media di tutte le attrezzatture per ufficio con -8,9%. Le sedute per ufficio rappresentano il miglior risultato a -2,4% mentre le postazioni di lavoro subiscono la perdita maggiore con -16,9%. Le esigenze del mondo del lavoro cambiano continuamente da anni e la disponibilità a lavorare da qualsiasi luogo sta diventando lo standard nel mondo professionale. Tuttavia, il tema dell'home office ha ricevuto una spinta particolare con l'inizio della pandemia di Covid-19, diventando una realtà lavorativa più che affermata. Lo sviluppo del volume delle postazioni di home office è notevole. Mentre erano ancora 11,7 milioni nel 2018, il numero è cresciuto fino a 19,0 milioni verso la fine del 2020. Ad oggi, il 58,3% di tutti gli utenti in home office sono dipendenti, rispetto al 48,3% nel 2018; studenti e alunni rappresentano ancora il 29,9% e i privati l'11,8%. Lo smart working ha anche valorizzato gli sviluppi tecnologici delle attrezzature moderne che favoriscono e rendono possibili dinamiche di lavoro alternative. La vendita al dettaglio online come canale di distribuzione sta beneficiando in maniera sostanziale di questa transizione: le quote di mercato variano nei tre gruppi tra il 13,0% e il 17,0%. Entro il 2025, si stima che questa cifra raggiungerà valori compresi tra il 15,0% e il 21,0% e le stime per il 2030 parlano di cifre comprese tra il 18,5% e il 26,0%. (ICE BERLINO)


Fonte notizia: Moebelkultur