News dalla rete ITA

27 Ottobre 2021

Argentina

KULFAS IN DIALOGO CON ECONOJOURNAL SUI PROGEETTI IDROCARBURI E MOBILITÀ SOSTENIBILE

Il ministro dello sviluppo produttivo Matias Kulfas ha difeso in dialogo con EconoJournal la scadenza del 2041 fissata nel progetto di elettromobilità per fermare la produzione di veicoli a combustione interna e ancora una volta ha insistito sul fatto che l'Argentina ha un'opportunità unica per posizionarsi come leader nella transizione energetica in Sudamerica.La presentazione quasi simultanea del disegno di legge Idrocarburi e del disegno di legge sulla Mobilità Sostenibile ha suscitato alcune domande da parte dell'opposizione poiché da un lato si cerca di promuovere l'estrazione di petrolio e gas e dall'altro si afferma che a partire dal 2041 non saranno in grado di continuare a produrre auto a combustione interna. “Non c'è nulla di contraddittorio in questo. Per molto tempo il sistema dell'elettromobilità richiederà gas per le centrali che forniscono energia elettrica, ma anche quello che cerchiamo sono idrocarburi da esportare. La nostra intenzione è consolidare un surplus che ci permetta di risolvere il vincolo esterno”, ha assicurato EconoJournal il ministro dello Sviluppo produttivo, Matías Kulfas, uno dei principali promotori del disegno di legge sulla mobilità sostenibile che è già entrato alla Camera dei Deputati.-E in che modo il divieto di produrre nuove auto a combustione interna avrà un impatto sull'attività di raffinazione del petrolio?- L'unico settore che potrebbe essere interessato è quello della raffinazione, ma è importante chiarire che nel 2041 i veicoli alimentati a combustibili fossili non smetteranno di circolare. Ci sarà una gigantesca flotta di auto che continuerà a funzionare a benzina convenzionale. È vero che la domanda di benzina sta per stagnare, ma in questo momento non siamo in grado di prevedere quanto velocemente acquisirà la transizione energetica. Ciò che è chiaro è che questo è qui per restare. Parlo, ad esempio, con aziende che operano nel business dell'idrogeno verde e mi dicono che Giappone e Germania stanno acquistando una produzione che non è ancora iniziata nel 2025 con veicoli a idrogeno. L'intero settore energetico è chiaro che stiamo andando verso una transizione. La discussione è tempismo, velocità e amornizzazione. (ICE BUENOS AIRES)


Fonte notizia: www.econojournal.com.ar 27/10/2021