News dalla rete ITA

14 Gennaio 2022

Messico

MESSICO: RIPUNTA L'ATTIVITÀ DELL'INDUSTRIA CROCIERISTICA

Il settore è stato uno degli ultimi segmenti turistici a riattivarsi, ma le sue previsioni sono promettenti, anche se la nuova variante di Covid-19 potrebbe diminuire i dati del primo semestre. La attività economica vincolata alle navi da crociera ha iniziato a riprendersi. Grazie alla sua natura alberghiera galleggiante questo settore è rimasto bloccato per più di un anno in Messico. Prima del Covid-19, rappresentavano un mercato di quasi nove milioni di turisti, di cui il 51% era destinato a Cozumel, seguito da Mahahual, a Quintana Roo, Ensenada e Cabo San Lucas, rispettivamente in Baja California e Baja California Sur. L'emergenza sanitaria ha ridotto questa cifra di oltre 6,6 milioni di passeggeri dopo 14 mesi con porti chiusi alle navi passeggeri, tra aprile 2020 e giugno 2021. Il paese è stato lasciato con il 26% del mercato che aveva nel 2019. L'inizio della ripresa è arrivato a giugno, con la riattivazione degli arrivi di Royal Caribbean a Cozumel e Mahahual. Da allora in poi, altri porti, come Progreso, Puerto Vallarta e Mazatlan, iniziarono gradualmente a ricevere navi. La grande speranza è l'alta stagione, che va da dicembre a marzo. Ci sono anche nuove compagnie che hanno scelto il Messico come destinazione per le loro barche, come la nave da crociera Scarlet Lady, della compagnia Virgin Voyages, che ha fatto il suo primo arrivo a Cozumel in ottobre; e il Navigatore dei Mari di Royal Caribbean, che arrivò a Cabo San Lucas. L'ottimismo con cui il settore ha chiuso il 2021 è stato leggermente oscurato con l'arrivo della variante ómicron. Royal Caribbean ha riconosciuto nell'ultima settimana di dicembre che stava affrontando un calo delle prenotazioni e un'impennata delle cancellazioni mentre i casi di Covid-19 si diffondevano negli Stati Uniti. Ma anche con questo, l'operatore di crociere ha detto che il declino non è stato così grave come la crisi vissuta durante l'onda causata dalla variante delta all'inizio dello scorso anno. La società ha affermato che mentre i viaggi per la seconda metà del 2022 continuano a essere prenotati all'interno di intervalli storici, i fattori di prenotazione nella prima metà del 2022 rimangono al di sotto. La riattivazione copre sempre più porti, ma la capacità delle navi è ancora limitata dalle normative dei paesi; quindi, ci sono meno croceristi per ogni nave. Cozumel, ad esempio, ha ricevuto nel periodo da gennaio a settembre 2019 una media di 3.382 passeggeri per nave, mentre nello stesso periodo del 2021, la cifra è scesa a 1.740 passeggeri, il 49% in meno. A livello nazionale, il numero medio di croceristi per nave è diminuito del 42%. (ICE CITTÀ DEL MESSICO)


Fonte notizia: Expansion