News dalla rete ITA

18 Settembre 2022

Angola

ANGOLA - INVESTITURA DEL PRESIDENTE RIELETTO

ANGOLA - Il presidente rieletto João Lourenço entra in carica per un secondo mandato consecutivo. La cerimonia si e' svolta a Praça da República, a Luanda, con la presenza di almeno 15mila persone, riporta il Jornal de Angola. Lo ha annunciato ieri nella capitale il ministro di Stato e capo della ‘casa civil’ del presidente, Adão de Almeida. Secondo de Almeida, la cerimonia avrà tre momenti distinti, ovvero “l’investitura e il giuramento, il discorso alla nazione e la parata militare in cui sfileranno vari rami delle Forze armate angolane e la Polizia Nazionale per salutare il comandante in capo.” L’accesso alla cerimonia avverrà su invito ma si tratta di un segmento rappresentativo della società molto ampio e diversificato, sostiene. Sono rappresentate le 17 province, oltre a una vasta gamma di ospiti stranieri. Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno riconosciuto la vittoria del partito Mpla e del presidente João Lourenço: il segretario di Stato americano Antony Blinken ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che gli Stati Uniti “si congratulano con il presidente eletto Lourenço per la sua elezione a prossimo presidente dell’Angola”. “Non vediamo l’ora di lavorare con lui per rafforzare le relazioni vitali tra l’Angola e gli Stati Uniti”, ha affermato Blinken, aggiungendo che “gli Stati Uniti continueranno a collaborare a stretto contatto con il governo angolano e il popolo angolano per portare avanti i nostri obiettivi comuni mentre lavoriamo per promuovere un futuro più sostenibile, sicuro, inclusivo e prospero”. Secondo Blinken, queste elezioni hanno rafforzato la democrazia. Martedì, però, l'Unita, partito sconfitto alle elezioni generali angolane del 24 agosto, ha presentato un ricorso straordinario di incostituzionalità contro il respingimento del precedente ricorso presentato dal principale partito d’opposizione. Secondo il documento a cui ha avuto accesso l’agenzia portoghese Lusa, l’Unita accusa la Corte di non aver valutato una serie di prove, né la conformità con alcuni aspetti della Costituzione dell'Angola. Il documento dell'Unione Nazionale per l'Indipendenza Totale dell'Angola (Unita) adduce più motivi. Sottolinea ad esempio che i partiti in lizza non possono essere ritenuti responsabili dell'avere in loro possesso verbali incomprensibili, in quanto la modalità di attribuzione di copie ai delegati di lista (uso di carta carbone) non consente la visibilità del contenuto del riassunto dalla terza copia. Sottolinea inoltre che nelle ultime elezioni l'Unita si è sempre lamentata del fatto che la commissione elettorale nazionale crei difficoltà nell'applicazione della legge sulla consegna delle copie dei verbali. Sostiene che “c'è una chiara negazione della giustizia del diritto a un processo equo”. L'Unita sostiene, inoltre, che "il più grande contributo che porterebbe questa verifica è quello di rafforzare la fiducia dell'opinione pubblica nel processo elettorale e nelle istituzioni che lo organizzano" e si rammarica che la Corte  abbia "trascurato" la Costituzione. Giovedì scorso la Corte costituzionale aveva respinto il ricorso presentato dall'Unita, sottolineando che le prove presentate “non consentono di rimettere in discussione i risultati complessivi” delle elezioni annunciate dalla Commissione elettorale nazionale e che attribuiscono la vittoria al partito Mpla, al potere ininterrottamente da 47 anni. Nella sentenza si legge, a pagina 6, che l’Unita “ha allegato al fascicolo presunti verbali riassuntivi di seggi ripetuti (duplicati, triplicati, quadruplicati), falsi, cancellati, manomessi, senza codici di seggio divergenti quanto al contenuto (e incomprensibili). Secondo il verbale di tabulazione finale delle elezioni generali del 24 agosto, il Movimento Popolare per la Liberazione dell'Angola (Mpla) e il suo candidato, João Lourenço, sono stati i vincitori con il 51,17% dei voti, seguiti dall'Unita con il 43,95%.  (ICE LUANDA)


Fonte notizia: www.infoafrica.it - e stampa locale