News dalla rete ITA

30 Settembre 2022

Francia

FRANCIA : PROGETTO PER LA LEGGE FINANZIARIA 2023

Il progetto della legge finanziaria francese per il 2023 mira a proteggere le famiglie e sostenere le imprese in piena crisi energetica e di impennata dei prezzi, controllando la spesa pubblica per stabilizzare il disavanzo pubblico al 5% del PIL sia nel 2022 che nel 2023. Nel 2023 il deficit di bilancio dello Stato dovrebbe essere ridotto di 14 miliardi di euro, per raggiungere i 158 miliardi. Il progetto si basa su una previsione di crescita del PIL del 2,7% nel 2022 e dell'1% nel 2023 e di un tasso d’inflazione del 5,3% nel 2022 e del 4,2% nel 2023. Il peso del debito pubblico dovrebbe ridursi dal 111,5% del PIL nel 2022 al 111,2% nel 2023 e le spese dello Stato dovrebbero ridursi del 2,6% rispetto al 2022. L’incognita principale è l'evoluzione della guerra in Ucraina e le conseguenze sull'andamento dei prezzi all'ingrosso dell'energia (petrolio, gas, elettricità). Lo scenario del governo francese non prevede gravi interruzioni negli approvvigionamenti energetici durante l'inverno 2022-2023. Lo scudo tariffario per l’energia viene esteso anche nel 2023, con un costo stimato di 45 miliardi di euro. Gli aumenti dei prezzi del gas saranno limitati al 15% da gennaio 2023 e quelli dell'elettricità al 15% da febbraio 2023. Uno degli obiettivi del disegno di legge è la piena occupazione: prosegue dunque il sostegno all'apprendistato con 3,5 miliardi di euro stanziati per gli aiuti all'assunzione di tirocinanti in alternanza lavoro-studio. Tre miliardi di euro sono previsti per sostenere le aziende di fronte all'impennata dei prezzi dell'energia. Continua anche il sostegno alla riqualificazione energetica delle abitazioni private, per un importo di tre miliardi di euro. Anche l'ecologizzazione del parco autoveicoli è una priorità: un budget di 1,3 miliardi di euro finanzierà gli aiuti per l'acquisto di veicoli meno inquinanti. Per quanto riguarda la biodiversità, quasi 300 milioni di euro sono destinati ad interventi di adeguamento e ripristino ecologico dei territori, della protezione costiera e delle aree protette. A sostegno dei progetti di transizione ecologica degli enti locali è previsto un fondo di accelerazione ecologica nei territori dotato di 1,5 miliardi di euro nel 2023, chiamato anche “fondo verde”. In ottemperanza alla legge di programmazione militare 2019-2025, gli stanziamenti destinati alla missione “Difesa” dovrebbero raggiungere i 43,9 miliardi di euro grazie a un incremento di 3 miliardi di euro nel 2023. I crediti consacrati all'innovazione saranno di 1 miliardo di euro. Il disegno di legge finanziaria sarà discusso dai deputati a partire dal 10 ottobre 2022.   (ICE PARIGI)


Fonte notizia: FT – Vie Publique