News dalla rete ITA

16 Novembre 2022

Argentina

ARGENTINA: MALGRADO GLI OSTACOLI, THERMOMIX APRE NUOVI LOCALI

La stretta sulle importazioni non sembra essere un problema per questa azienda che ha la licenza per un prodotto 100% made in Germany, portato dall'estero e che da anni fa furore nelle vendite del paese. Si tratta di Thermomix, il robot da cucina che è disponibile in Argentina dal 2017 e che è stato un successo di vendite negli anni Quaranta. A pochi mesi dall'apertura del suo primo negozio nel Paese, sta aprendo due nuovi punti vendita, uno a Canning, nella provincia di Buenos Aires, e l'altro a Salta. Con un investimento tra le tre aperture dell'anno di 35 milioni di dollari Thar, l'azienda che lo distribuisce in Argentina, scommette su locali commerciali, completamente attrezzati per sviluppare comunità di utenti e rafforzare il suo team di vendita. Thermomix ha recentemente investito 17 milioni di dollari nell'apertura di due nuovi negozi, situati nella capitale Salta (10 milioni di dollari) e a Canning (7 milioni di dollari). A luglio, l'azienda aveva già investito 18 milioni di dollari per l'apertura del "Thermomix Experience Center", il più grande negozio dell'America Latina situato a Vicente López. Thermomix prevede di chiudere l'anno con due nuove aperture per raggiungere un totale di 5 negozi, e la presenza con 3 stand, situati nei centri commerciali Córdoba Shopping, Alcorta Shopping e Nordelta. Entro la fine dell'anno è prevista l'apertura di un negozio a Punta del Este, in Uruguay, e la riapertura di un punto vendita a Retiro, nella città di Buenos Aires. Il "cepo" e gli ostacoli alle importazioni non complicano i piani dell'azienda. Secondo fonti vicine all'azienda, il maggior numero di importazioni è stato effettuato prima delle restrizioni e oggi dispone di uno stock che le consente di pianificare una crescita sostenuta nel Paese. La scommessa dell'azienda è quella di continuare ad aprire negozi nell'interno del Paese. Secondo i dati analizzati dall'azienda, sono quattro le città dell'interno del Paese che quest'anno hanno accelerato le vendite a un ritmo più sostenuto e si distinguono dal resto. Si tratta di Cordoba, Salta, Rosario e Mendoza. "Se analizziamo la quota delle province sul totale delle vendite nel primo semestre del 2022, ci sono province che sono cresciute tra il 500% e fino al 1000% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Questi risultati accorciano la distanza che storicamente ha portato l'AMBA, che è stata la prima opzione per installare i negozi del marchio", spiegano da Thermomix. "Nel primo semestre del 2022 abbiamo ottenuto una crescita del 30% nel numero di robot da cucina venduti rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Eravamo interessati a ottenere un buon vantaggio all'inizio dell'anno per affrontare l'investimento di 35 milioni di dollari previsto per la seconda metà dell'anno. Stiamo ancora studiando nuove sedi all'interno per il 2023", ha concluso Beatriz Macaya, CEO di Thermomix Argentina e Uruguay. In Argentina, Thermomix dispone di una rete di 1200 agenti di vendita distribuiti in tutto il Paese. Dal 2017 a metà anno, Thermomix ha venduto 13.172 robot da cucina in Argentina. Di questo totale, il 70% è stato consegnato dalla stretta quarantena, tra il maggio 2020 e l'agosto 2021, quando le vendite hanno registrato un boom. L'Argentina, nel corso del 2021, è riuscita a vendere 4361 robot e un fatturato annuo di 1.095,1 milioni di dollari. In volume, la crescita è stata del 33% rispetto al 2020. I numeri della prima metà del 2022 continuano a crescere. Il fatturato è aumentato del 28% rispetto allo stesso periodo del 2021. Con le vendite di 2.288 robot effettuate quest'anno, gli obiettivi previsti sono stati superati e l'azienda punta a chiudere l'anno con un totale di 8000 unità. (ICE BUENOS AIRES)


Fonte notizia: Giornale www.cronista.com 15.11.2022