News dalla rete ITA

16 Novembre 2022

Argentina

ARGENTINA: PRODUZIONE DI MOTO IN RISCHIO A CAUSA DELLE RESTRIZIONI ALLE IMPORTAZIONI

Il settore delle moto è uno dei tanti colpiti dalle severe restrizioni alle importazioni imposte dal governo nazionale per evitare il deflusso di dollari. La Camera dei costruttori di motocicli (Cafam) ha rilasciato una dichiarazione urgente per avvertire delle difficoltà incontrate dalle aziende che producono motocicli nel Paese. "La carenza di fattori produttivi importati sta mettendo a rischio la produzione nelle fabbriche e quindi la fornitura di unità", affermano i produttori. "Lo scenario attuale è complesso perché limita l'acquisizione di fattori produttivi importati, che sono vitali per la nostra industria nazionale per continuare a produrre normalmente", spiegano. La dichiarazione sostiene che per le aziende questa situazione causa "grande incertezza e mancanza di prevedibilità". Dicono che non c'è certezza sulle scadenze, sulle possibilità di pagamento all'estero e sull'approvazione delle licenze. Tutto ciò si aggiunge alla "paura del collo di bottiglia che si sta generando". Il mercato delle moto nel Paese è diversificato e servito da vari marchi, con una coesistenza di PMI nazionali e di aziende multinazionali. Attualmente, il 98% delle moto commercializzate è di produzione nazionale. Le importazioni di moto complete sono state sostituite dalla produzione nazionale con l'integrazione di componenti locali. "È un momento delicato per il settore e ci auguriamo che si avvii presto un processo di normalizzazione per poter continuare a produrre nei nostri stabilimenti e, fondamentalmente, per poter soddisfare la crescente domanda dei nostri veicoli", conclude Cafam. Nel mese di ottobre sono state brevettate 29.557 moto, secondo il rapporto della Divisione Moto dell'Associazione dei Concessionari di Automobili della Repubblica Argentina (ACARA). Questo dato rappresenta un calo del 20,4% su base annua, dato che nell'ottobre 2021 erano state registrate 37.144 unità. Il confronto con il mese precedente mostra un calo del 7,4%, dato che a settembre sono state brevettate 31.907 unità. In questo modo, nei dieci mesi dell'anno sono state brevettate 349.893 unità. Si tratta dell'11,8% in più rispetto allo stesso periodo del 2021, quando erano state registrate 312.977 moto. "Come è successo a settembre, anche a ottobre il problema delle importazioni, sia di unità che di parti, mostra il suo impatto, poiché continua con un livello significativo di restrizioni", ha dichiarato il presidente della Divisione Moto di ACARA, Horacio Jack. (ICE BUENOS AIRES)


Fonte notizia: Giornale www.tn.com.ar 15/11/2022