Eventi in scadenza

Non sono previsti eventi a breve in questo paese.
Visualizza tutti gli altri eventi.

Agenda

News

1 Novembre 2018
Marocco

DOING BUSINESS: IL MAROCCO AVANZA

Dieci posizioni separano ora il Marocco dal suo obiettivo 2021, vale a dire far parte dei Top 50 ...

16 Ottobre 2018
Marocco

MAROCCO INDUSTRIA CERAMICA: ACCORDO TRA FACEMAG E L'ITALIANA ABK

Un accordo di collaborazione esclusiva è stato concluso tra l'azienda leader italiana ABK ...

4 Ottobre 2018
Marocco

MAROCCO: PROMA INDUSTRIE CON SIMEST APRE STABILIMENTO A KENITRA

SIMEST entrerà nel capitale di Proma Industrie, primario operatore italiano del comparto a...

I nostri uffici

Il salone specializzato Pollutec Maroc, dedicato alle tecnologie ambientali ed energie rinnovabili, giunto alla sua 10^ edizione ha aperto i battenti il 2 ottobre presso l'OFEC - Foire Internationale de Casablanca su un’area di 5.000 mq, presentando la Guinea Conakry come Paese ospite d’onore, con 180 espositori e dove sono attesi circa 5.000/6.000 visitatori. Focus del salone per quest’edizione saranno le idee e soluzioni per la città sostenibile in Marocco e in Africa, con temi dedicati agli eco-quartieri, mobilità urbana, rifiuti, acqua, energia, aria e cambiamenti climatici.
La collettiva italiana occupa una superficie di 156 mq, dove sono ospitate 9 imprese di settore di cui 7 newcomer e, gli altri Padiglioni internazionali riguardano Francia e Germania.
L'inaugurazione ha avuto come protagonisti il Primo Ministro Saâdeddine El Othmani e la Segretario di Stato allo Sviluppo Sostenibile Mme Nezha El Ouafi. Al termine della conferenza di apertura hanno avuto luogo le premiazioni di alcuni progetti di eccellenza a cui ha partecipato anche il  Ministro dell’Energia M. Aziz Rabbah. Quest'ultimo,  assieme alla Segretario di Stato allo Sviluppo Sostenibile Mme Nezha El Ouafi ha poi visitato il Padiglione italiano soffermandosi nello stand ICE-Agenzia.
Il Marocco, in ragione delle riforme istituzionali intraprese e della stabilità della situazione politica, nonché delle buone prospettive di crescita economica offre interessanti opportunità. Le elaborazioni ICE su dati ISTAT mostrano, per l'interscambio Italia - Marocco nell'anno 2017  un aumento del flusso complessivo di merci pari al 17,9% che è passato dai 2,45 miliardi di euro del 2016 ai 2,89 miliardi dello scorso anno. Il saldo commerciale rimane nettamente in favore dell'Italia (+ 879 milioni), le esportazioni italiane hanno raggiunto nel 2017 il livello più elevato degli ultimi 10 anni, superando ampiamente i 1,68 miliardi registrati nel 2008. Dal 2000 a oggi il Pil del Marocco è più che raddoppiato e nel 2017 l’economia è cresciuta del 4,1%: riforme e strategie mirano a dare forma a uno sviluppo integrale di industria, infrastrutture, agricoltura, energia e ad attrarre investimenti.
In tema di gestione ambientale, con il programma di smaltimento PNDM (Programme National de Gestion des Déchets Ménagers et Assimilés) iniziato nel 2008, il Marocco sta cercando di risolvere il problema dello smaltimento incontrollato dei rifiuti, nel contempo dovendo far fronte anche a sfide importanti in materia di gestione delle risorse idriche, ha elaborato una nuova strategia dell'acqua per il 2030, dimostrando un'accentuata sensibilità alle problematiche ambientali. Anche l’impegno in favore delle energie pulite è dimostrabile da svariati mega progetti avviati in tutto il Regno, dall’impianto solare Noor di Ouarzazate, ai numerosi parchi eolici, tra cui quello di Tarfaya il più grande in Africa, fino alle gigantesche dighe in tutto il Paese. Il Marocco risulta poi particolarmente avanzato, all’interno della regione del Maghreb, in materia di promozione delle energie rinnovabili. Entro il 2030, infatti, dovrebbe produrre il 52% del proprio fabbisogno elettrico da fonti rinnovabili, mentre Algeria e Tunisia si attesterebbero rispettivamente al 40% ed al 30%. La Banca Africana di Sviluppo, tra i principali finanziatori della strategia energetica marocchina, ritiene che tale orientamento verso le fonti rinnovabili sia necessario, in quanto il Regno nordafricano registra attualmente una forte dipendenza dalle importazioni di energia (circa il 93% del proprio fabbisogno).
In continuità con le azioni promozionali già realizzate negli anni passati su questo mercato vivace ed in evoluzione, l’obiettivo della partecipazione collettiva italiana alla fiera Pollutec Maroc 2018 è quello di offrire alle aziende italiane l’opportunità di consolidare e sviluppare le relazioni commerciali offrendo un’immagine dinamica ed innovativa del Made in Italy di settore.